Manutenzione impianti     REGIONE LOMBARDIA

DELIBERAZIONE N° X/1118 SEDUTA DEL 20.12.2014

AGGIORNAMENTO DELLE DISPOSIZIONI PER L’ESERCIZIO, IL CONTROLLO, LA MANUTENZIONE E

L’ISPEZIONE DEGLI IMPIANTI TERMICI

La Giunta Regionale della Lombardia, riunitasi il 20 dicembre 2013, ha approvato la  Delibera n.X/1118Aggiornamento delle disposizioni per l’esercizio, il controllo, la manutenzione e l’ispezione degli impianti termici”, pubblicata sul B.U.R.L. n. 53 – Serie Ordinaria – del 30 dicembre 2013.

 Questo atto sostituisce la precedente DGR n. IX/2601 del 2011.

 Si elencano di seguito le principali novità:

  • Recepimento del DPR 74/2013 e della Legge 90/2013 che modifica la definizione del D. Lgs. 192/2005;
  • Nuova definizione di impianto termico e del relativo ambito di applicazione, includendo gli impianti con potenza maggiore a 5 kW;
  • Inserimento nella regolamentazione di tipologie di impianti precedentemente escluse, come gli apparecchi a biomassa installati in modo fisso e gli impianti per la climatizzazione estiva di potenza superiore a 12 kW. Per questi ultimi viene inoltre determinata la temperatura minima di esercizio;
  • OBBLIGO DI MANUTENZIONE DELLA CANNA FUMARIA PER GLI IMPIANTI A BIOMASSA
  • Esclusione dalla disciplina regionale sugli impianti termici di:

– Radiatori individuali, termocucine, cucine economiche, caminetti aperti

– Impianti per la climatizzazione estiva o invernale costituiti da macchine frigorifere, collettori solari o pompe di calore con potenza inferiore a 12 kW

– Impianti coinvolti nei processi produttivi;

  • Trasmissione dei modelli e rapporti di controllo di efficienza energetica esclusivamente attraverso la piattaforma informatica del Catasto Unico Regionale Impianti Termici (CURIT);
  • Identificazione in modo univoco di ciascun impianto termico mediante “Targatura”. A partire dall’1 agosto 2014 un codice univoco consentirà l’identificazione dell’impianto. La targatura degli impianti avverrà al momento dell’installazione o alla prima manutenzione utile. Questo agevolerà l’analisi del parco impianti esistente sul territorio regionale, anche ai fini di un miglior monitoraggio della qualità dell’aria, e la diffusione di impianti alimentati con energie rinnovabili;
  • Conferma delle tempistiche di manutenzione già in vigore in Lombardia. Frequenze maggiori sono ammesse solo per motivi di sicurezza, riportati dall’installatore o dal manutentore sul libretto di uso e manutenzione;
  • I nuovi impianti a biomassa devono essere installati secondo quanto previsto dal DM 37/08 e dall’ 1 agosto 2014 dovranno rispettare i rendimenti minimi determinati. Gli stessi dovranno inoltre essere dotati di “Libretto impianto”;
  • Dall’ 1 agosto 2014 gli impianti a biomassa dovranno essere manutenuti, in relazione alla loro potenzialità, con la seguente cadenza minima:

– Minore di 15 kW ogni 2 anni
– Uguale o maggiore di 15 kW ogni anno;

  • Dall’1 agosto 2014 tutte le Autorità competenti (Regione, Province e Comuni con più di 40.000 ab.) utilizzeranno esclusivamente lo strumento del Portafoglio Digitale per l’incasso dei contributi a loro dovuti. Questo strumento è già in uso presso 7 dei 33 Enti Locali competenti al controllo e all’ispezione degli impianti termici.

Sono esentati dal pagamento dei contributi: gli impianti di climatizzazione estiva, gli impianti alimentati da biomassa legnosa, le pompe di calore e gli scambiatori delle reti di teleriscaldamento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *