PUBBLICATA LA NUOVA GUIDA ECOBONUS 2018

L’Agenzia delle Entrate ha pubblicato la versione aggiornata a ottobre 2018 della Guida relativa all’Ecobonus per il risparmio energetico che contiene le novità introdotte per poter beneficiare delle detrazioni fiscali. Le misure per gli interventi per la riqualificazione energetica degli edifici sono state confermate dal Governo con l’ultima Legge di bilancio. La Manovra ha sostanzialmente confermato l’Ecobonus per le ristrutturazioni al 50% e quello per l’efficienza energetica al 65% anche per il 2019.

La guida spiega nel dettaglio in cosa consiste l’agevolazione, chi può beneficiarne e gli interventi ammissibili. Sono inoltre illustrate tutte le agevolazioni per i condomini, la cessione del credito, le spese detraibili e gli adempimenti richiesti.

Nello specifico, l’agevolazione del 65% o del 50% per interventi sulle abitazioni riguarda tutti gli interventi e le spese sostenute ai fini di:

  • miglioramento termico dell’edificio (coibentazioni, pavimenti, finestre e infissi);
  • installazione di pannelli solari;
  • sostituzione di impianti di climatizzazione invernale;
  • interventi di domotica, cioè installazione di dispositivi multimediali per il controllo a distanza degli impianti di riscaldamento.

Tra le spese per le quali è possibile richiedere l’Ecobonus rientrano anche quelle riguardanti l’acquisto di materiale per il risparmio energetico e le prestazioni professionali per l’installazione. interventi di domotica.

Sono detraibili le imposte Irpef o Ires relative sia ai costi per lavori edili sia quelli relativi a prestazioni professionali. L’unico requisito fondamentale è che tali spese rientrino tra quelle effettuate con l’obiettivo di migliorare le prestazioni energetiche dell’immobile.

Detrazione ecobonus 50% per i seguenti interventi

    • interventi relativi alla sostituzione di finestre comprensive d’infissi;
    • schermature solari;
    • caldaie a biomassa;
    • caldaie a condensazione, che continuano ad essere ammesse purché abbiano un’efficienza media stagionale almeno pari a quella necessaria per appartenere alla classe A di prodotto prevista dal regolamento (UE) n.18/2013. Le caldaie a condensazione possono, tuttavia, accedere alle detrazioni del 65% se oltre ad essere in classe A sono dotate di sistemi di termoregolazione evoluti appartenenti alle classi V, VI o VIII della comunicazione della Commissione 2014/C 207/02.
  • Detrazione ecobonus 65% per i seguenti interventi
    • interventi di coibentazione dell’involucro opaco;
    • pompe di calore;
    • sistemi di building automation;
    • collettori solari per produzione di acqua calda;
    • scaldacqua a pompa di calore;
    • generatori ibridi, cioè costituiti da una pompa di calore integrata con caldaia a condensazione, assemblati in fabbrica ed espressamente concepiti dal fabbricante per funzionare in abbinamento tra loro.

    SCARICA LA GUIDA

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *